Made in Sud – I Ditelo Voi “I Preti” 25/11/2013

Made in sud del 25 novembre 2013 – I Ditelo Voi “I Preti”

You might be interested in

Comment (213)

  1. Non capisco perche si devono fare battute BLASFEME prendendo in giro la Santita dell'Ultima Cena e soprattutto di Gesu. Ci sono tantissimi argomenti da cui PRENDERE spunto per far ridere. Perche non lo fanno con i politici? Sono piu inportanti di DIO?
    Una volta c'era il proverbio "SCHERZA PURE CON I FANTI MA LASCIA STARE I SANTI".OGGI SI INFANGA TUTTO QUELLO CHE E"SACRO con questi ridicoli spettacolini di questi elementi che pur di fare soldi si permettono di infangare la veste talare dei sacerdoti. VERGOGNA MOLTI SACERDOTI HANNO DATO LA VITA PER QUESTA VESTE..Cercate la vita del giovane Rolando Riva.

  2. Dato il livello estremamente scadente della comicità italiana moderna, questo Trio perlomeno è simpatico, strappano qualche sorriso e l'idea di fondo del sacerdote manesco da mettere alla berlina è molto valida, andrebbero sviluppate molto di più le gag e le battute, ma purtroppo dipende anche dagli autori incompetenti che hanno. Mimica, idee e interpretazione dei personaggi è molto valida, i testi delle battute invece, purtroppo, sono pessimi.

  3. Più che far ridere mi fate proprio pena. Sembra incredibile che esistano tre cretini che lasciano soltanto disturbati quelli che credono. Inoltre mi permetto di dire che persone che si comportano così, commettono peccato, perchè non si utilizza il Vangelo per offendere…. Vergogna! Non i fate ridere, vi dico:vergogna!

  4. Ich habe ein YouTube Video in der Stadt und Land zu verlassen hat sich die Frage ist nur eine kleine Gruppe von mir aus dem Jahr tausend neun Monaten des Jahres zwei hundert Meter weiter so

  5. Ognuno ha la sua idea per carità ma in questo mondo di pedofili guerre e merdate del genere scherzare su qualsiasi cosa non è blasfemo ma semplicemente comicità e la cosa più facile è far piangere ma far ridere così non è da poco bravi spettacolari

  6. Jacques Attali 11 anni fa: “Una pandemia consentirà l’istituzione di un governo…
    Jacques Attali 11 anni fa: “Una pandemia consentirà l’istituzione di un governo mondiale”
    Lo scriveva nel 2009 l'economista e banchiere. "Per la prossima crisi pandemica dovremo creare una forza di polizia globale e un sistema fiscale globale. Verremo allora così a porre le basi di un vero governo mondiale"

    Jacques Attali
    I misteri del Covid non finiscono mai, così come, del resto, le incredibili coincidenze su quella che molti osservatori definiscono una pandemia programmata da anni dalle oligarchie globaliste per instaurare un nuovo ordine mondiale e un nuovo modello sociale, in cui i ricchi diventeranno sempre più ricchi e i poveri saranno sempre più poveri, oltreché sudditi e con libertà fortemente limitate.

    Nella sua rubrica alla rivista francese “L’Express” pubblicata il 5 Marzo 2009, Jacques Attali, consigliere di François Mitterrand rivelò alcuni obiettivi che si poneva il mondo oligarchico globale. In breve: là dove il crack finanziario è fallito finora (quello del 2008), “una buona piccola pandemia potrebbe costringere i nostri dirigenti ad accettare la realizzazione di un governo mondiale!”, ha scritto undici anni fa. Ecco il testo integrale.

    La storia ci insegna che l’umanità evolve significativamente soltanto quando ha realmente paura: allora essa inizialmente sviluppa meccanismi di difesa; a volte intollerabili (dei capri espiatori e dei totalitarismi); a volte inutili (della distrazione); a volte efficaci (delle terapeutiche, che allontanano se necessario tutti i principi morali precedenti). Poi, una volta passata la crisi, trasforma questi meccanismi per renderli compatibili con la libertà individuale ed iscriverli in una politica di salute democratica.”

    Per Attali, “La pandemia potrebbe far scatenare una di queste paure strutturanti”, poiché essa farà emergere, “meglio di qualsiasi discorso umanitario o ecologico, la presa di coscienza della necessità di un altruismo, quanto meno interessato.”

    “E, anche se, come bisogna ovviamente sperare, questa crisi non sarà molto grave, non bisogna dimenticare, come per la crisi economica, di impararne la lezione, affinché prima della prossima e inevitabile crisi (pandemia) si mettano in atto meccanismi di prevenzione e di controllo, come anche processi logistici di un’equa distribuzione di farmaci e di vaccini. A tal fine, dovremo creare una forza di polizia globale, un deposito di risorse globale e quindi un sistema fiscale globale. Verremo allora, molto più velocemente di quanto la sola ragione economica avrebbe consentito, a porre le basi di un vero governo mondiale. È anche vicino all’ospedale che iniziò in Francia nel XVII secolo con la creazione di uno stato reale. Nel frattempo, potremmo almeno sperare nell’attuazione di una vera politica europea in materia. Ma anche qui, come su tanti altri argomenti, Bruxelles tace”, concluse undici anni fa Jacques Attali.

  7. però gli uno dopo l'altro 😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂

LEAVE YOUR COMMENT

Your email address will not be published.