Alberto Angela racconta Raffaello – Playlist24

A 500 anni dalla scomparsa di Raffaello, Alberto Angela racconta la vita e le opere del pittore. Un viaggio nel Rinascimento tratto da “Ulisse”, “Meraviglie”, “Superquark” e la serie di documentari “Stanotte a”.
TUTTI I VIDEO
https://www.raiplay.it/programmi/playlist24/?wt_mc=2.google.yt.rai_playlist24.&wt

You might be interested in

Comment (72)

  1. Lo ho visto ieri sera :manca proprio 78di spessore scientifico. Anche minimo.
    Tante famtasie . Anche a un vasto pubblico si possono fare discorsi
    seri. E non raccontare cose di tanta approssimazione.
    Ma i dirigenti rai come fanno : non se ne rendono conto?
    Consiglio
    Perche' nel programma non fate intervenire a parlare degli studiosi.

  2. Grazia io visitavano Roma molti anni fa io ho visto chapelle sistina e pantheon lugare eternita molto bello non posso dimenticare questa citta del arte e gentille poppolo e Papa e sorellas.Grazia mostrare ancora.Abbe pieta di noi.

  3. Adoro Raffaello, grazie! E qui su youtube ho da poco scoperto ed ascoltato anche i suoi sonetti messi in musica dal fantastico Simone Sorini!! Una meraviglia assoluta!!

  4. Un ragazzo di 25 anni a quell’epoca era un uomo fatto !!! La gente moriva mediamente a poco più di 40 anni. Questo concetto dell’età Alberto Angela lo ripete spesso, ma non è corretto. Per il resto, ottimo video, come sempre.

  5. Semplicemente terribile tutto…Raffaello con la zazzera bionda, poi, è
    veramente imbarazzante: ricorda i tentativi di certa critica romantica
    ottocentesca di far passare un'immagine angelicata e oleografica di
    Raffaello, mutuata dal ritratto di Bindo Altoviti. Bisognerebbe imparare
    dalla BBC: documentari sempre sul pezzo, asciutti, concisi e
    intelligenti. Questi prodotti della RAI sembrano più adatti ad un
    pubblico avvezzo alle telenovelas sudamericane. Ma sono consigli che
    vengono ripetuti probabilmente fin dagli anni '50, con scarsi risultati

LEAVE YOUR COMMENT

Your email address will not be published.